Archivi categoria: Numero 6

Matteo Galiazzo, “Dare fastidio”

Chi non scopa a capodanno non scopa tutto l’anno. Umf. Per un po’ ci ho creduto, così, sovrappensiero. Poi non ci ho creduto più. Ora ci credo di nuovo. Se questo è vero per un capodanno normale figuriamoci per quello … Continua a leggere

Pubblicato in Numero 6, Racconti | 1 commento

Orso Tosco, “Il giocatore”

Le carte sul tavolo, aperte a ventaglio. Mr. Creed non valuterà gli ammanchi, i piccoli furti che i giocatori meno esperti hanno praticato per alleviare la frustrazione della malasorte. Giustamente piove. I tetti oltre la sua finestra risplendono di continue … Continua a leggere

Pubblicato in Numero 6, Racconti | 1 commento

Filippo Nicosia, “Il bronzo di Brâncuși”

Lazǎr, lo scultore, lo conobbi alla Palestra Popolare di San Lorenzo. Ai tempi andava di gran moda fra gli artisti e gli intellettuali del quartiere frequentare la palestra, in particolare la lezione di boxe. Lazǎr e io seguivamo il turno … Continua a leggere

Pubblicato in Numero 6, Racconti | 1 commento

Martina Montague, “Big Nudes”

L’ocra dei muri inondava col suo tepore la stanza, dominata al centro da un tavolino laccato sul quale erano ordinati: Flash Art. Helmut Newton. Big Nudes. Journal of plastic. Una stampa di Doisneau si specchiava sul pavimento in marmo bianco … Continua a leggere

Pubblicato in Numero 6, Racconti | 1 commento

Marco Drago, “Alla fine muore”

Si era fatto di eroina per qualche anno e adesso, a cinquant’anni, ne era orgoglioso. Come dire: ho provato anche quello. Una tacca in più rispetto a tutti quelli che conosceva. Che si fosse fatto di eroina per qualche anno … Continua a leggere

Pubblicato in Numero 6, Racconti | 1 commento

Susan Straight, “24 novembre 1963 – Ciò che mio fratello ci ha lasciato”

Mio fratello è nato il 24 Novembre 1963. Il Presidente John F. Kennedy è stato assassinato il ventidue e mia madre ha pianto così forte che le sono venute le doglie. È nato di mattina presto. Poche settimane prima avevo … Continua a leggere

Pubblicato in Numero 6, Racconti | Lascia un commento

Philip Langeskov, “Una distrazione”

È da un cliente in campagna quando gli dicono che l’anello è pronto. Il viaggio è stato positivo, addirittura piacevole – il cliente è un ospite eccezionale – ma Umberto adesso freme per tornare in città. Nel pomeriggio telefona in … Continua a leggere

Pubblicato in Numero 6, Racconti | 1 commento